Pin It

OSSERVATORE DELL'IMPERTINENZA

Cliquez ici pour la version en français

 

Questo venerdì mattina la corsia n° 1 è divisa in due spazi di lavoro da una pertica che si appoggia sul bordo e sulla corda galleggiante a circa 10 metri da una delle due estremità.

I corsi riservati ai bambini delle scuole stanno per cominciare. Due animatrici parlano tra loro prima di rivolgersi ai loro 6 allievi che aspettano di fianco alla vasca. Di fronte a me, un insegnante è seduto davanti a un gruppo più numeroso di allievi (ne ho contatati almeno 18) in piedi a formare un semicerchio di 4 metri di diametro. Sembrano attenti, ma dato che alcuni coprono la vista del maestro, gli altri si spostano per cercare di vederlo. Una ragazzina esile finisce per fare avanti e indietro lungo la mezza circonferenza e alla fine si allontana.

Al limite avrei preferito vedere i bambini seduti in semicerchio e l'insegnante in piedi!

Il discorso dell'insegnante si prolunga per minuti interminabili e alcuni bambini che non possono vederlo (né essere visti da lui) si muovono allontanandosi.

Bruscamente il maestro si alza, si allontana dal banco dove era seduto e si trova circondato dai suoi allievi.

Si mette ben dritto e tenta di portare le braccia nell'estensione del tronco ma queste si fermano a 160 ° per mancanza d'elasticità. Non posso sentire ciò che dice.

Mentre gli allievi si avviano verso il blocco di partenza, lui ne prende uno da parte, gli posiziona le braccia come se dovesse sollevarlo e tenerlo sospeso mentre con un piede avvicina quelli dell'allievo che tendevano a divaricarsi. In questo modo di può vedere davvero un bell'allineamento.

Nel frattempo alcuni allievi sono entrati in acqua; uno alla volta si danno una spinta dalla parete e, testa immersa, effettuano uno scivolamento al termine del quale le braccia entrano in azione in modo alternato.

Il compito riuscito dai migliori sembra ben scelto. Ma sono abbastanza numerosi quelli che fanno uscire la testa dell'acqua (per ragioni che occorrerebbe analizzare), fatto che causa l'intervento dell'insegnante che sento gridare «abbassa la testa!», cosa che non ha alcuna conseguenza sulla postura dell'allievo. Mi sembra che «metti la testa sotto alle braccia» o «metti la testa completamente in acqua» avrebbero potuto cambiare il comportamento dell'allievo fornendogli un'informazione, rispetto al suo corpo o rispetto allo spazio, che avesse per lui un senso e fosse utilizzabile.

Non ho mai perso di vista l'allievo che era stato manipolato e che dal momento del suo contatto con il maestro è sfuggito completamente alla vista di quest'ultimo. Ci ha messo troppo tempo ad entrare in acqua e l'ha fatto saltando in acqua in posizione verticale per risalire rapidamente, far emergere la testa e aggrapparsi al bordo con tutte e due le mani prima di uscire dalla vasca. Ha fatto un solo tentativo. L'insegnante non ha visto nulla! Era andato ad annotare delle cose sul suo quaderno rimasto dove la sua lezione era cominciata: sul banco!

Non penso che la lettura del "cursore pedagogico" avrebbe cambiato qualcosa! E a che titolo potremmo suggerirgliela?

Non credo neppure che abbia potuto prendere in considerazione la conclusione di Digne Dingue d'Eau: «Senza una quantità sufficiente di azione, non ci possono essere trasformazioni».

Il cancro che corrode la pedagogia è proprio questo "uno alla volta" che dà al maestro l'illusione di poter controllare le risposte degli allievi. La conseguenza immediata è il tempo d'azione di ciascuno diviso per il numero di allievi. Pochi minuti in un'ora! Come possono gli allievi apprendere in queste condizioni?

L'altro male incurabile è quello che consiste nel annegare l'allievo nel discorso che si sostituisce all'azione: (spiegazioni e commenti)!

raymond

 

Pin It

Commentaires   

#1 Marc 24-01-2013 13:46
Immmaginiamo per un istante che questo insegnante abbia una maggiore mobilità e dunque sia più giovane, avrebbe fatto diversamente? Non è detto!
L'insegnamento dell'insegnamento è cambiato, si è evoluto?

A meno di incontrare Raymond...
Citer

Ajouter un Commentaire

 


Code de sécurité
Rafraîchir